venerdì 23 gennaio 2009

Fenicotteri rosa alle saline di Cervia



Cervia-Milano Marittima ha indubbiamente degli aspetti ambientali unici di grande pregio. Il blog propone la notizia, che giustamente sta facendo il giro della rete, in merito ad uno stormo di fenicotteri rosa, che ha fatto sosta proprio alle saline di Cervia. Semplicemente da ammirare. Con gioia.

"500 esemplari del bellissimo uccello hanno scelto le saline cervesi per la sosta della loro migrazione. Per qualche giorno lo spettacolo sarà imperdibile.

Come spesso accade, anche quest’anno un grande stormo di fenicotteri rosa ha fatto sosta nell’oasi naturale delle saline di Cervia, regalando alla cittadinanza e ai turisti uno spettacolo di raro fascino. Osservare oltre 500 fenicotteri mentre si riposano durante la loro migrazione è infatti qualcosa di veramente inestimabile.

Nel bacino del Mediterraneo la gran parte della popolazione dei fenicotteri rosa è concentrata nel settore occidentale, sebbene gruppi di centinaia e talvolta migliaia di individui vengano segnalati anche in Turchia, Grecia e Egitto. Il fenicottero rosa frequenta principalmente lagune e stagni salati o salmastri costieri, ampie aree deltizie e distese fangose.
Lo si può trovare anche nei laghi poco profondi, salini o alcalini, dell’entroterra, purché la profondità dell’acqua non superi mai il metro. In genere è molto sensibile al disturbo umano ma frequenta talvolta ambienti artificiali. La nidificazione avviene su piccole isole di sabbia o fango che emergono appena dal pelo dell’acqua.

La presenza di fango e di scarsa vegetazione sembrano essere molto importanti per la scelta dei siti anche se si conoscono colonie su piccole isole sassose. Il fenicottero appartiene ad una delle più antiche famiglie di uccelli del mondo, risalenti ad oltre 50 milioni di anni fa. I fenicotteri sono stati considerati parenti con aironi, cicogne ed anatre, ma analisi del DNA hanno messo in evidenza che i gruppi più vicini ai fenicotteri sono in realtà le cicogne, gli ibis, le spatole e gli avvoltoi americani.

PERCHE’ SONO ROSA?
Il colore delle penne dei fenicotteri è dovuto alla presenza di particolari sostanze organiche: i carotenoidi. Queste sostanze non vengono prodotte dai fenicotteri, ma sono presenti nelle alghe e nei piccoli crostacei (artemia salina ed altri) di cui si cibano.
In cattività, se l’alimentazione non comprende alghe e crostacei, i fenicotteri perdono gradualmente il colore e diventano bianchi. I pigmenti inoltre non sono stabili nel tempo e le penne cadute durante la muta perdono rapidamente il loro tipico colore roseo."

Fonte: Sat8.tv, notizie dal mondo a portata di mouse

3 commenti:

Roby72 ha detto...

Ottimo blog, è stato emozionante assistere all'arrivo dei fenicotteri nelle nostre amate saline...spero di poterli rivedere ancora!

Anonimo ha detto...

Complimenti per il blog. Complimenti a Roby72 per la/le foto.

7mates ha detto...

una località bellissima che mi piacerebbe visitare ancora una volta, per poter apprezzare il suo clima e la sua spiaggia. cervia è davvero una località caratteristica, il mare e la spiaggia è qualcosa di unico. spero di poter ritornare al piu' presto a cervia.